Per un pianeta più intelligente c'è Watson


 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sviluppato da IBM, nasce Watson, il nuovo “supercomputer” che vuole vincere una grande sfida: costruire un sistema in grado di competere con la capacità e la velocità dell’intelligenza umana.
Il computer prende il nome dal fondatore di IBM e rende possibile interpretare enormi quantità di dati, grazie alla sua capacità di comprensione del linguaggio umano.
John E.Kelly III dice “Ci troviamo in un momento davvero speciale. Siamo nell’era in cui i computer e le tecnologie informatiche si sono avvicinate agli esseri umani. Abbiamo creato un sistema di computer che presenta l’abilità di comprendere il linguaggio naturale degli uomini, operazione molto difficile da compiere per le macchine.”
Il modo di operarare della macchina consiste nell’esame del linguaggio e nella comprensione della domanda attraverso l’opposizione di parole chiave.
Il supercomputer Watson, che prende il nome dal fondatore di IBM, rende possibile l’interpretazione di enormi quantità di dati grazie alla sua capacità di comprensione del linguaggio umano.
Attualmente sono ancora in corso le esplorazioni di nuove modalità per applicare queste capacità ai linguaggi più compositi e specialisti come quelli usati in medicina, finanza e mondo accademico.
Che sia l’inizio di un’era intelligente? A voi il giudizio dopo aver visto il video.

Risparmiamo energia


 
 
 
 
 
Di questi tempi con il caro petrolio bisogna correre a ripari.
Il Fisco aiuta!
La finanziaria 2008 viene incontro a chi deve ristrutturare casa per abbattere i consumi energetici.
Alcuni tipi di ristrutturazione, come un impianto di pannelli solari per l’acqua calda, coibentare il tetto o cambiare le finestre, possono essere scalati dalle tasse sul reddito fino ad un massimo di 100000 euro in tre anni, ma conviene?
I pannelli solari sono la novità più interessante e allo stesso tempo “ambigua”.
La tecnologia esiste da oltre 40 anni ma in Italia non è ancora completamente conosciuta e applicata.
Tra le cose da tenere in considerazione , se si ha idea di fare un impianto solare, è una porzione di tetto a sud  che non stia in ombra; se l’impianto serve solo per scaldare l’acqua della doccia o vasca, prima di cambiarlo bisogna fare bene i conti.
I pannelli convengono se sostituiscono il boiler elettrico o le caldaie a gasolio, meno se si usa il Gpl o metano.
Se abitate in condominio, oltre alla disponibilità del tetto, bisogna avere a disposizione una cantina o un solaio per posizionare il serbatoio dell’acqua.
Enel ha messo a punto un programma di simulazione che consente di valutae le soluzioni possibili: www.enelsi.it

Il Bagno del Futuro!

Designer britannici ed irlandesi sviluppano l’intero bagno in una linea costante, quasi a simulare il gioco dei vasi comunicanti.
Ecco il bagno del futuro, presentato in tre soluzioni: Loop, Ebb e Line, tutte proiettate a segnare novità nelle linee del bagno e il design innovativo pensato per ambienti di differenti quadrature ed esigenze, proponendosi in moduli che prevedono ora un vasca, ora il singolo lavello con acessori, mensole e stipi.
Pensata per la vostra casa del futuro Loop si propone anche con motivi decorativi per chi non amasse il “total white”.
 
 
 

I radiatori elettrici a panello

Non solo termosifone tradizionali, grazie alle nuove tecnologie i termosifoni elettrici a pannello costituiscono una valida alternativa.
Si adattano ad ogni ambiente e funzionano diffondendo calore per convenzione o per irraggiamento, quindi con una ventola o con le onde elettromagnetiche.
radiatori
Pur consumando un po’ di elettricità sono ottimali in ambienti abitati con scarsa frequenza e sono perfetti in caso di integrazione dell’impianto di riscaldamento.
A parete, programmabili, a temperatura regolata o di design possono soddisfare ogni vostra esigenza.
Che ne dite?

Il forno a microonde

Un elettrodomestico ormai conosciutissimo he si trova nella maggiorparte delle case, nonostante la diffidenzadi alcuni per il metodo di funzionamento permanga.
Il forno a microonde infatti sfrutta le proprietà delle onde elettromagnetiche ad alta frequenza per ottenere la cottura.
forno-a-microonde
Si compone di un generatore di microonde che trasforma l’energia elettrica in onde elettromagnetiche, indirizzando poi il flusso con una guida d’onda e distribuiendolo uniformemente da un agitatore. Le microonde in questo modo raggiungono i piatti posti all’interno del forno, mettono in movimento le molecole dei cibi e sviluppano così il calore che determina la cottura.
La sicurezza del forno è garantita dalla sua totale ermeticità e da un sistema di blocco dello sportello che ne impedisce l’apertura quando il forno è acceso.
Ha larghezza e profondità simili ad un forno tradizionale e un’altezza inferiore, per questo può essere installato ad incasso al di sotto del piano cottura o nella colonna all’altezza degli occhi.
I modelli free standing hanno invece dimensioni inferiori e possono essere collocati sul piano di lavoro vicino a una presa elettrica.
Per eliminare i cattivi odori che possono rimanere all’interno è sufficiente far bollire per qualche minuto una soluzione di acqua e limone.
Che ne pensate voi? Lo usate? Lo consigliereste?
 

il futuro: una foglia per scaldare le case

L’oggetto dell’innovazione è una cella solare,  sviluppata da un gruppo di ricerca del MIT guidato dal professor Daniel Nocera e presentata al 241° meeting nazionale dell’American Chemical Society in California.
foglia fotovoltaica
E’ grande più o meno quanto una carta da gioco e riproduce il processo di fotosintesi clorofilliana delle piante trasformando la luce del sole e l’acqua in energia, ma producendo una quantità di energia 10 volte superiore a quella creata dalla fotosintesi naturale.  Una quantità quasi sufficiente a riscaldare un intero appartamento!!
Pensata per ora per essere destinata al mercato dei paesi in via di sviluppo, potrebbe essere a breve commercializzata anche in occidente.
Pensata già molti anni fa’ questa innovazione diventa realizzabile rispetto al passato grazie ai materiali usati più facili da recuperare e con un costo più abbordabile.
Che dite, a breve tutto funzionerà a fogliame fotovoltaico??
 

Che film guardare? Te lo suggerisce il pc

Siamo sul nostro divano accocolati al cuscino, ma la tv non propone nulla. Niente di nuovo!
La voglia di uscire al cinema è poca e la soluzione più immediata, normalmente, è navigare un po’ in rete alla ricerca di un film.
Spesso però la ricerca fa perdere tempo, non tanto perchè non produttiva, ma perchè rimane una sorta di indecisione che non la fa terminare mai, tanto che spesso si decide di non vedere nessun film.
C’è chi ha pensato alla soluzione.
A corto di titoli? Bene, Suggest me movie è pronto ha proporti qualcosa.
Inserisci il tuo mood e il software ti proporrà un film. Facile, intuitivo e perfettamente integrato con i social per condividere le tue scelte.
Una nuova attività da divano…prendete i popcorn 🙂